Manifesto

La mia donna. La mia artista. Perché a me sono sempre piaciuti gli artisti, i ribelli, i rivoluzionari. Così diversi da quello che io appaio, così coraggiosi nel mostrare il loro essere e le loro idee. Quanto li invidio, gli artisti. Che alzano la voce, sempre e comunque. Anche io ero così, in passato. Anche io avevo qualcosa da dire e lo dicevo, fregandomene del giudizio degli altri. Poi sono rimasta sola, la gente mi guardava male, non voleva giocare con me perché ero quella strana, quella polemica, quella che “non ti va mai bene nulla”. Allora ho cominciato a tenere per me quello che pensavo e solo in casi eccezionali alzavo la voce. Questo mi portava ad imbottigliare la rabbia dentro, ad esplodere con chi mi stava vicino, in modo esagerato ed incontrollato. Ho cercato la stabilità in una relazione, pensavo che il focalizzarmi su un’altra persona potesse aiutarmi. Ha solo reso la mia rabbia maggiore. Non ne ero consapevole, ma ero infelice. Il desiderio di essere con qualcuno era più forte del desiderio di essere me stessa, libera. Poi per caso, per gioco, una persona mi ha fatto sentire desiderata e desiderabile di nuovo. Un desiderio fisico, mentale. Attrazione mentale. Si è aperto un mondo. Ero di nuovo una persona, potevo essere di nuovo una persona ed essere apprezzata per quello che ero. Attraente, sensibile, intelligente, un po’ matta. Oggi mi sento libera. Libera di dire sì, mi piacciono anche le donne, soprattutto le donne. Libera di dire ma sai che c’è, che le differenze di genere io non le capisco, che io ho un corpo femminile ma non è detto che mi senta femmina sempre. Che bisogna amare le persone e non ciò che hanno fra le gambe. Ok le preferenze, ma senza discriminare o etichettare. Che siamo esseri umani, di certo non la specie vivente più intelligente ma sicuramente abbiamo la capacità di pensare. Usiamola. Alziamo la voce. E se non ne siamo ancora capaci, condividiamo i sogni con qualcuno che ci aiuti a farlo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...