Sparire

Vorrei annegare. Sparire. Come il vento soffiare via da tutto e tutti e visitare posti nuovi. Il vento del nord che mi porta via, che mi costringe a scappare. Il dondolio dell’oceano che mi culla, che soffoca ogni mia emozione, sensazione, respiro. A poco a poco sentire brividi sul corpo, il freddo che entra nelle ossa attraverso le crepe della mia pelle. Il dolore che scoppia nella testa, il sangue che si gela il respiro che si ferma. “Come ho detto, avvengono delle sparizioni. Il dolore diventa un fantasma, il sangue smette di scorrere e le persone, le persone svaniscono. Ho altre cose da dire. Molte altre cose. Ma sono scomparse. Se io sparissi, qualcuno se ne accorgerebbe?”

Egoista

Sono un’egoista. Mi affeziono sempre a persone sfuggenti, puzzle di mille pezzi disposti confusamente sul pavimento. Come un’egoista ne voglio un pezzo, di quel puzzle. Di quel vetro rotto tanti anni fa di cui si sono perse alcune schegge nel vento. Sono meschina. Con un filo dorato mi illudo di poter ricucire quei pezzi sparpagliati, per poi avere la pretesa di meritarne almeno uno tutto per me. Come se la fatica di aver unito i pezzi mi desse la giustificazione di poterne conservare uno. Sono un’egoista, perché nutro la speranza che a qualcuno importi dei miei pezzi persi nel vento, delle mie schegge taglienti al tatto. Sono un’illusa, perché chi ha pezzi di vetro da cui scappare, che accuratamente ha disposto sul pavimento, non rischia di voltarsi e camminarci sopra per raggiungere i tuoi.

Mancanze

È strano, quando ti manca qualcuno. Spesso la sensazione ti assale quando meno te lo aspetti, mentre sei sul divano che guardi la TV o mentre mangi, mentre guidi o mentre stai studiando. Ti distrai un attimo, la mente vaga e ti ritrovi a pensare alla sua voce, ai suoi occhi, ai momenti in cui pensavi che saresti stata felice. È strano quando ti manca qualcuno. È involontario, capita. Il castello di carta che avevi costruito crolla, ogni volta la crepa è nello stesso punto. Sarà colpa del vento, pensi. O magari delle carte, del tavolo un po’ ballerino su cui poggiano. Più passa il tempo però, ti rendi conto che la colpa è del costruttore di quel castello. Il muratore, che impila le carte sempre allo stesso modo, e sempre allo stesso modo inclina il tavolo in modo che sempre nello stesso punto si formi una crepa. È strano quando ti manca qualcuno, perché la maggior parte delle volte è per colpa tua che se n’è andato.

Desiderabile

Come si fa, a risultare desiderabili? Me lo sono sempre chiesta. In passato, non so perché, ma molti mi trovavano desiderabile, affascinante, da conoscere. Io non sapevo bene se era per qualcosa che avevo fatto, se era per il mio aspetto un po’ bizzarro – allora andava di moda essere emo e io, ragazzi, probabilmente lo sono ancora – o forse per il mio atteggiamento polemico, strafottente. Oggi invece è diverso. Oggi è più difficile risultare attraenti. Tanti stili diversi, persone diverse. Chi ha personalità e chi la prende in prestito senza chiedere, chi ha uno stile ben definito e “alla moda” e chi ha uno stile tutto suo, particolare. Essere o apparire? È la domanda del secolo, insieme a “ma quando partorisce la Ferragni?”. C’è chi dice che non c’è un’arte del corteggiamento, che più provi a risultare attraente e più sembri un disperato, un falso. E allora provi ad essere te stesso, ma le persone non hanno più pazienza di aspettare che i più riservati si aprano. Vogliono gli estroversi. Che poi, non sempre gli estroversi hanno davvero qualcosa da raccontare. Sii te stesso, ma non troppo. Sii riservato, ma non troppo. Sii estroverso, ma non troppo. Non troppo, ma anche sì. Che bello che sei, fragile. Che bello che sei, forte. Che bello che sei.